origine cognomi italiani wikipedia

Come si legge nel Dizionario ragionatodei cognomi italiani, in Italia i cognomi sono circa 350.000. Origine e significato storico dei cognomi italiani con stemma araldico, diffusione, curiosità, personaggi e storia familiare del cognome. L'origine di questi cognomi potrebbe essere diversa a seconda delle diverse aree di diffusione che sono Il nord Italia, la Toscana la Campania, la Calabria e la Sicilia; Alfani ha un ceppo nel fiorentino, uno nel romano ed uno nel salernitano e napoletano, Alfano è diffusissimo nel … Potete effettuare la ricerca sul cognome esatto, oppure indicando la parte iniziale o la stringa che deve essere contenuta all'interno del cognome stesso. Nonostante non esista una norma esplicita per l'attribuzione del cognome paterno, la Corte Costituzionale ha chiarito che "La norma relativa all'assunzione del cognome paterno da parte del figlio legittimo, ad avviso del predetto collegio, è chiaramente desumibile dal sistema, in quanto presupposta da una serie di disposizioni regolatrici di fattispecie diverse." Esistono cognomi composti da più parole; il cognome Coladonato, ad esempio, deriva da Cola (abbreviazione di Nicola) e Donato, quindi potrebbe essere composto in origine dai due patronimici del padre e del nonno (=figlio di Cola, a sua volta figlio di Donato). Pag. L'istruttoria, di competenza della prefettura, comprende: Il doppio cognome è un tipo di cognome composto, che è formato dal cognome paterno seguito dal cognome materno. Nel 2014 la Corte di Strasburgo aveva condannato l'Italia per violazione della Convenzione europea dei diritti dell'uomo e nel novembre 2016 la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimità costituzionale della norma laddove «prevede l'automatica attribuzione del cognome paterno al figlio legittimo, in presenza di una diversa volontà dei genitori»[4]. Tutti i contenuti di questa pagina sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported; in parole semplici potete copiare, linkare e pubblicare qualsiasi pagina o immagine con l'unica avvertenza di indicare la fonte: heraldrysinstitute.com. Un esempio di cognome che è invariabile per genere anche tradizionalmente è Wajda (del regista polacco Andrzej Wajda). Alcuni sono oggigiorno molto diffusi, altri sono completamente spariti. Articolo storico-genealogico sul regista Sergio Leone e sulla sua famiglia, a cura dello Studio Araldico Genealogico Italiano. Un esempio di cognomi dell'Irlanda nati dagli antichi clan irlandesi sono: Ó Brian, O'Brien, Brian, Brien; Ó Crotaigh, O'Crotty, Crotty, Crotti; Ó Callachain, O'Callaghan, Callachan, Callaghan; Ó Conchúir, O'Connor, Connor, Connors, ecc. Le più antiche testimonianze sono rintracciabili nella, La sua amministrazione standardizzò il sistema di nomi al fine di facilitare il, La meravigliosa storia dei nomi di luogo e di persona, Impariamo il polacco. Articolo storico-genealogico sulla famiglia dello scrittore Lleonardo Sciascia, nel suo centesimo anniversario della nascita. Un esempio di questi cognomi è Kowalski (al maschile, padre e figli) che diventa Kowalska (al femminile, per moglie e figlie). Ad esempio, Alessandro Magno era conosciuto come Eraclide (come discendente presunto di Eracle) e dal nome dinastico Karanos/Caranus, che si riferiva al fondatore della dinastia alla quale apparteneva. L'Islanda è l'unico paese dell'Europa occidentale dove in luogo del cognome è in uso il patronimico. I cognomi campani sono cognomi tipicamente diffusi in Campania e nelle sue province e comuni. L'avvento della religione cristiana e le ripetute invasioni barbariche facilitarono la diffusione di nuovi nomi che si aggiunsero a quelli già in uso. UNA PRATICA ANTICA. I cognomi sono svariati ed innumerevoli. Show pagesource; Old revisions; Backlinks; Back to top Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 6 dic 2020 alle 21:07. In Ungheria le donne sposate hanno diverse possibilità di scelta, una di queste addirittura permette di sostituire il proprio nome e cognome con il cognome e il nome del marito seguiti dal suffisso -né; ad esempio, la moglie di un uomo di nome János Szabó (o Szabó János, nell'ordine ungherese che pone prima il cognome) è chiamata Szabó Jánosné. [3] I cognomi formatisi in epoca normanna, generalmente traevano origine dal nome del capostipite [3] ; tra i patronimici sorti nel periodo normanno vi furono Amicone, Berardo, Borrello, Guarino, Lupis, Maio, Miranda, Ranieri, Troisi. La Campania è la regione d'Italia con il maggior numero dei cognomi "chilometrici", dei cognomi di santi e dei cognomi di località del mondo. Petrus Leonis equivaleva a Pietro figlio di Leone, che in seguito divenne Pierleone o Pier di Leone) e, dopo un anno solare, il feudatario perdeva il diritto di riportare il fuggitivo nel feudo di provenienza. Il sito ufficiale della Mappa Dei Cognomi d'Italia. In ogni documento ufficiale, patente di guida e carta d'identità compresi, questi soprannomi - alcuni dei quali molto bizzarri - vengono dunque inseriti a tutti gli effetti di legge, accompagnando la vita giuridica dell'interessato[5]. [senza fonte], Il Concilio di Trento del 1564 sancisce l'obbligo per i parroci di gestire un registro dei battesimi con nome e cognome, al fine di evitare matrimoni tra consanguinei.[2]. Il doppio cognome è entrato nell'ordinamento giuridico italiano, con sentenza della Corte Costituzionale dell'8 novembre 2016, pubblicata il 21 dicembre 2016, n. 286. Inoltre, molte famiglie reali non utilizzano cognomi. La richiesta di cambiare il nome o il cognome va rivolta al prefetto. Gli effetti dei decreti rimangono sospesi fino all'adempimento delle formalità sopra indicate. L'uso dei cognomi in Campania risale al periodo compreso tra il IV e il III secolo a.C., quando i suoi territori passarono sotto il dominio di Roma. oppure un nomignolo originato da un pregio o difetto fisico (Gobbo, Rosso, Mancino, ecc. Translated. Tuttavia questa norma, pur essendo prevista dalla legge, viene spesso non riportata nei documenti di identità (carta d'identità, patente, passaporto), ma è sempre possibile chiederne la sua applicazione su richiesta. Quindi, solo i fratelli maschi o sorelle femmine avranno cognome uguale fra loro, mentre nella stessa linea di fratelli e sorelle ci saranno due cognomi. È diffusa, a livello popolare .mw-parser-output .chiarimento{background:#ffeaea;color:#444444}.mw-parser-output .chiarimento-apice{color:red}e in particolare in luoghi e contesti con un basso livello di istruzione[senza fonte], anche l'errata usanza opposta, deprecata dalla grammatica, dove il cognome anticipa il nome. Categoria che raccoglie voci che trattano la storia, l'etimologia e la diffusione dei cognomi italiani.. Gli elenchi alfabetici sono compilati in ordine del nome di battesimo. Quindi, sua moglie, Giovanna Lambertucci Paolini, col matrimonio perde il cognome della propria madre, conserva quello del padre, aggiungendone quello del marito, diventando da Giovanna Lambertucci Paolini, Giovanna Paolini Rossi. In Lituania esistono regole simili sia per i figli sia per la moglie: un uomo il cui cognome è Danilevičius passerà ai figli maschi il cognome Danilevičius e alle figlie il cognome Danilevičiutė; la moglie invece dopo il matrimonio assumerà il cognome Danilevičienė. Esempi dei cognomi chilometrici più diffusi sono: Abbracciavento, Ammazzalamorte, Boccadifuoco, Buoncristiani, Castrogiovanni, Chiacchiaretta, Ciucciovino, Giuratrabocchetti, Guastadisegni, Incantalupo, Ingannamorte, Moccicafreddo, Passacantando, Paternoster, Quondamangelomaria, Saltalamacchia, Scornavacche, Senzaquattrini, Sprecacenere, Stampachiacchiere, Tontodimamma, Tremamondo. I più diffusi, secondo i dati combinati forniti dall’anagrafe, sono Rossi, Ferrari e Russo. Note legali. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 12 ott 2020 alle 16:02. I cognomi sono un elemento fondamentale della nostra società, studiandoli è possibile ottenere informazioni significative sulla storia e sulle origini delle famiglie. Trovate l'origine di un cognome. [6] Tra i cognomi derivati da soprannomi legati a mestieri figurano invece Abate (o Abbate), Castaldo, Iodice, Monaco, Pastore, Piscopo (o De Piscopo), Senatore. www.araldicaguelficamaiani.com Sede unica: Via Stoppani 58 50131 Firenze tel./fax 055 5520627 cell. In Italia il cognome viene assegnato al momento della dichiarazione di nascita per l'iscrizione del nuovo nato nel registro comunale dello stato civile. 104, La Consulta apre al cognome della madre per i figli, I «detti» sono cognomi, il Viminale «salva» migliaia di Boscolo, Significato, origine e mappa internazionale dei cognomi, Convenzione europea dei diritti dell'uomo, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Cognome&oldid=117122368, Voci non biografiche con codici di controllo di autoritÃ, Беларуская (тарашкевіца)‎, Srpskohrvatski / српскохрватски, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. [5], La maggior parte dei cognomi campani sono di forma singolare, e ciò è dovuto alle abitudini di trascrizione notarili. Il Comune di Chioggia rappresenta un caso demografico unico in Italia: l'elevatissimo tasso di omonimia tra i due cognomi principali, Boscolo e Tiozzo (più di diecimila residenti portano questi cognomi), ha indotto l'ufficializzazione nel registro dell'anagrafe dei soprannomi, tipici di tutto il Veneto e utilizzati popolarmente per distinguere i vari rami di una stessa famiglia. Anzi, al momento del matrimonio sono i coniugi a decidere tutti i cognomi: del marito, della moglie e dei futuri figli, scegliendo tra i propri cognomi, senza troppe difficoltà burocratiche. In altri paesi, come negli Stati Uniti d'America, una coppia può decidere di chiamare il figlio con il cognome della madre, o comunque di aggiungerlo e anteporlo al cognome paterno: ad esempio, una coppia in cui il cognome di lui è Williams e quello di lei Hayes, una figlia può essere chiamata Julia Hayes Williams, dove Julia Hayes è il nome e Williams il cognome. Seguendo le peculiari regole dell'onomastica abissina il nome di ogni persona è costituito da quello proprio seguito da quello del padre (sostituito, in alcuni casi, da quello della madre). Origine dei cognomi italiani January 1 at 7:48 AM SCALAS Scalas, cognome sardo, è tipico delle province di Cagliari e ... d Oristano, dovrebbe derivare da indicatori di località originati dalla posizione in salita della via per raggiungere il capostipite, in lingua sarda arcaica scalas indicava un luogo scosceso o comunque in salita, sulla falsariga di cognomi peninsulari come Scala, Scali, ecc. I NOMI E COGNOMI DEGLI ITALIANI E LA LORO STORIA: Tutti i nomi e cognomi in ordine alfabetico e relative informazioni: ( Le pagine sono in lavorazione, tuttavia se desiderate sapere anticipatamente informazioni sul cognome desiderato, potrete richederlo inviando una E-mail a: cognomi@gmail.com) C'è tanto cibo nei nostri cognomi! dato ad una famiglia per distinguerla dalle altre famiglie che componevano un gruppo sociale . Se la filiazione nei confronti del padre è stata accertata o riconosciuta in tempi successivi al riconoscimento da parte della madre, il figlio può assumere il cognome del padre aggiungendolo o sostituendolo a quello della madre. In Portogallo e in Brasile i figli assumono, nell'ordine, l'ultimo cognome della madre e l'ultimo cognome del padre, di modo che non scompaia il cognome paterno, anche se questo in qualche momento è preceduto dal cognome materno oppure succeduto dal cognome del marito. Interessante pure la classifica dei Top 10 cognomi più richiesti e diffusi, tra cui spiccano: Rossi, Russo, Ferrari, … [senza fonte], In Giappone e in Tibet l'uso dei cognomi fino al XIX secolo non era frequente, tranne che tra l'aristocrazia. La sentenza dispone che in caso di accordo tra i genitori al momento della nascita i genitori hanno diritto a registrare il neonato con il doppio cognome, con il cognome materno che segue quello paterno, derogando quindi l'uso e la legge dell'attribuzione automatica del cognome paterno. [6] Importante è anche la presenza di cognomi derivati da prenomi, come Annunziata, Bruno, Cirillo, Giordano, Romano, Ruggiero, Santoro, Vitale, molti dei quali preceduti dalla preposizione De, come D'Angelo, De Filippo, De Luca, De Lucia, De Rosa, De Simone, De Stefano.[6]. Tutte le questioni di illegittimità sollevate alla Corte Costituzionale, in merito a tale articolo, sono state sempre respinte (Corte Costituz. Cognomi semplici: Jung (giovane) Cognomi composti: Bachmann contiene le parole Bach (ruscello) e Mann (uomo) In analogia con cognomi italiani combinati con le preposizioni Di / De esistono cognomi come von Weizsäcker, von Habsburg, Vonmetz ecc., cognomi che … Alcune persone scelgono di mantenere ambedue i cognomi, spesso uniti con un trattino. Benvenuti in Origine dei cognomi italiani! L'archivio di Cognomix.it contiene oltre 40'000 cognomi italiani. Il più diffuso è Esposito - concentrato soprattutto nella città metropolitana di Napoli - che deriva dal latino expositus, ovvero "esposto", che veniva assegnato ai neonati abbandonati alla nascita. Dopo la caduta dell'Impero romano, ogni persona veniva identificata dal solo nome personale, di cui venivano usati vezzeggiativi in ambito familiare. Se il neonato è figlio di una donna sposata prenderà sempre il cognome del marito, seguito da quello materno solo se anche il padre è d'accordo; nel caso la donna non sia sposata se il figlio viene riconosciuto dal padre al momento della nascita, prenderà il cognome del padre, seguito da quello materno se entrambi i genitori sono d'accordo. Heading by the @[472080112869400:274:Studio Araldico Genealogico Italiano]. Lots of food in our last names! In generale, nel mondo è comune per le donne cambiare il proprio cognome con quello del marito dopo il matrimonio e trasmettere ai figli il cognome del padre. [6] Altra loro importante caratteristica è la presenza dei suffissi -iello, -uolo, -illo e -icchio, come pure della preposizione De che precede un prenome. In italiano è uso corretto scrivere il cognome sempre dopo il nome proprio di persona, con la sola eccezione dei casi in cui sia indispensabile o logica l'anteposizione per evidenti motivi di praticità nella ricerca, come negli elenchi alfabetici, dove tuttavia il cognome dovrebbe essere separato dal … Ó gaelico irlandese in gran parte anglicizzato in O' e in seguito in una buona parte dismesso. [6], Numerosi cognomi campani derivano da soprannomi dialettali legati a caratteristiche fisiche del capostipite, come Capuozzo, Caputo, Caruso, Coppola, Cozzolino, Fusco, Gargiulo, Longo, Luongo, Palumbo, Picariello, Ruotolo, Russo, Varriale. In realtà il cambio di cognome per il marito è rarissimo. I casi in cui è possibile il cambio sono elencati dal decreto del 2000, nei seguenti casi: I provvedimenti di cambiamento o modifica del nome o del cognome rivestono carattere eccezionale e possono essere ammessi solo ed esclusivamente in presenza di situazioni oggettivamente rilevanti, supportate da adeguata e pregnante documentazione e da solide e significative motivazioni. In Italia esistono 350.000 cognomi e circa 7.000 nomi propri. Per fare alcuni esempi, dei Boscolo si distinguono, tra gli altri, i Forcola, i Bachetto, gli Anzoletti, i Gioachina, i Cegion, i Bariga; dei Tiozzo i Caenazzo, i Fasiolo, i Napoli, i Campanaro, i Brasiola, i Pagio. Molto spesso la causa è dovuta agli errori di trascrizione dell'ufficio anagrafico. Dopo questo periodo il Prefetto provvede sulla domanda con decreto. I cognomi italiani sono oltre 350.000. La procedura per il cambiamento del proprio cognome o del proprio nome è regolata dagli articoli 89 e seguenti del D.P.R. Il ritorno all'uso dei cognomi si verificò nel X secolo, quando Napoli e tutta l'Italia meridionale passarono sotto il dominio normanno, ma riguardò esclusivamente le famiglie nobili. Le più antiche testimonianze sono rintracciabili nella Cina antica dove, secondo la leggenda, l'uso dei cognomi è cominciato con l'Imperatore Fu Hsi nel 2852 a.C.[senza fonte] La sua amministrazione standardizzò il sistema di nomi al fine di facilitare il censimento, e l'uso delle informazioni del censimento. 25, legge 19 maggio 1975 n. 151 (riforma del diritto di famiglia) prevede che « la moglie aggiunge al proprio cognome quello del marito e lo conserva durante lo stato vedovile, fino a che passi a nuove nozze Â». Un cittadino maschio e una donna non sposata dovrebbero avere sempre, in quest'ordine: prenome + cognome paterno della madre + cognome paterno del padre. [senza fonte], Si rese così nuovamente necessario identificare tutti gli individui appartenenti alla medesima discendenza con un altro nome. [4] 338 8373349 contattaci Tutti i diritti riservati. L'origine storica dei cognomi tuttavia non è chiara e definita nel tempo. [1] Il cognomen romano entrò in disuso a seguito delle invasioni barbariche, che nel 476 determinarono la caduta dell'Impero, che in Campania vide tra gli altri il dominio di Goti e Longobardi. Il decreto di autorizzazione della pubblicazione può stabilire che il richiedente notifichi a determinate persone il sunto della domanda. I Cognomi vèneti piasé tipiçi i xe cuei che i conserva la final in consonante (soratuto la -n), cuei col prefiso "Dal", cuei col sufiso "-ato". Il più antico uso di nomi di famiglia o cognomi non è chiaro. oppure l'indicazione del padre e della madre (es. Historic and genealogical article on the family of writer Lleonardo Sciascia, on … 2, comma 12 della legge 15 maggio 1997, n. 127; come modificato dal DPR 24 febbraio 2012, n. 40. Il portale mappadeicognomi, tramite un importante lavoro di elaborazione di dati provenienti dalle rubriche telefoniche, offre la possibilità di scoprire dove e quanto è diffuso il proprio co… [5] L'assegnazione di questo cognome avvenne fino ai primi dell'Ottocento, in epoca napoleonica, quando Gioacchino Murat, considerando quel cognome come un marchio infamante, diede disposizione che i bambini abbandonati non fossero più chiamati Esposito, ma che tutti quelli lasciati nella ruota in un certo giorno ricevessero un nome di fantasia. [senza fonte]. Spagna, Spagnolo, Spagnoli, Catalano, Catalani, Navarra, con i vari derivati: Spagnoletti, Spagnolini, Catalanotti.Sono tutti cognomi che indicano la provenienza, affermatisi nel medioevo, epoca in cui i commerci fra la Spagna del sud ed i porti italiani erano frequenti. L'opposizione si propone con atto notificato al prefetto. Genera rapidamente la mappa geografica raffigurante la diffusione del tuo cognome e scopri le origini geografiche del tuo cognome. Page Tools. Vale a dire, ogni persona assume come cognome il nome del padre seguito dal suffisso -son se maschio, -dottir se femmina. Last modified: 2020/09/22 12:43 (external edit). Studio Araldico Genealogico Italiano. Ed. In altri periodi anche i nomi dei clan e i patronimici ("figlio di") erano comuni. In nessuno di questi casi, però, erano questi nomi considerati parti essenziali del nome della persona, né erano esplicitamente ereditati nel modo che è comune in molte culture oggi. ); l'acquisizione delle informazioni per il tramite delle Forze di. È necessaria una richiesta al prefetto della provincia del luogo di residenza o di quello nella cui circoscrizione è situato l'ufficio dello stato civile dove si trova l'atto di nascita al quale la richiesta si riferisce. e in particolare in luoghi e contesti con un basso livello di istruzione, Il più antico uso di nomi di famiglia o cognomi non è chiaro. Wiedza powszechna 1991. In Italia, l'uso dei cognomi è, inizialmente, una prerogativa delle famiglie feudali. Tutto sui cognomi italiani: origine di oltre 38'000 cognomi, mappe dei cognomi più diffusi in Italia, cognomi regionali e stranieri, stemmi nobiliari, araldica e genealogia. Puoi scoprire l'origine del cognome utilizzando il motore di ricerca qui sotto. Nomi e cognomi italiani, araldica, significato e storia. l'acquisizione delle certificazioni e degli atti a corredo dell'istanza (estratto per copia integrale dell'atto di nascita, residenza, stato di famiglia, ecc. Per famiglie o dinastie con interesse storico, si utilizzi la Categoria:Famiglie italiane. Sono molti i cognomi italiani con una chiara origine spagnola. Ho provato, ma a parte la diffusione dei vari cognomi del mio albero sul territorio italiano, non ho trovato altro... soprattutto io ero curiosa di conoscere l'origine dei … Si diffuse in tal modo in Europa, proprio verso il XII secolo[1], il cognome moderno, che poteva essere originato da una caratteristica delle persone, come, ad esempio, la loro occupazione, il luogo d'origine, lo stato sociale o semplicemente il nome dei genitori: "Rossi" (il cognome più diffuso in Italia) potrebbe far riferimento al colorito della carnagione o dei capelli di qualche antenato; "Fiorentini", probabilmente, la provenienza originaria di Firenze, "Di Francesco" potrebbe indicare "figlio di Francesco". Esempi di cognomi più diffusi di località del mondo sono: Albanese, Avellino, Benevento, Bergamo, Bologna, Bresciano, Calabrese, Campano, Caserta, Catania, Cileno, Colombiano, Comasco, Cosentino, Cosenza, Danese, Egiziano, Emiliano, Ferrara, Firenze, Foggiano, Francese (con la variante Franzese), Genova, Genovese, Greco (con la variante Grieco), Inglese, Lombardi, Lombardo, Malta, Maltese, Mantovani, Mantovano, Marocco, Messina, Milanesi, Napoli, Napolitano, Palermo, Padovani, Padovano, Pescarese, Polonia, Portoghese, Pugliese, Ragusa, Romano, Russo, Salerno (con la variante Salierno), Sardo, Siciliano, Sorrentino, Spagnolo (con la variante Spagnuolo), Tarantino, Toscano, Trapanese, Trapani, Trieste, Veneto, Veneziano. Geneanet censisce oggi parecchie decine di migliaia di cognomi di qualsiasi tipo... scopri qui la loro origine geografica e la loro etimologia ! Nella tabella che segue sono elencati i primi dieci cognomi italiani con più alto rango di occorrenze a livello nazionale, elaborati da dati inerenti agli utenti telefonici privati portatori del cognome; nella colonna di sinistra i dati elaborati da un rilevamento del 30 settembre 1979 a cura di Emidio De Felice, nelle altre due colonne le informazioni aggiornate agli anni '90 fornite dai siti web Gens.info[6] e MappaDeiCognomi.it[7]. Dalla documentazione scientifica risulta che i cognomi matrilineari esistevano in Cina prima della dinastia Shang (1600-1046 a.C.) e che "dal tempo della dinastia Shang (i cognomi cinesi) erano divenuti patrilineari". Giovanni Bianchi Rossi, quando si sposerà, trasmetterà a sua moglie il cognome Rossi, in quanto quest'ultimo è il cognome di suo padre. 143-bis del codice civile, così come modificato dall'art. I decreti che autorizzano il cambiamento o la modificazione del nome o del cognome devono essere annotati, su richiesta degli interessati, nell'atto di nascita del richiedente, nell'atto di matrimonio del medesimo e negli atti di nascita di coloro che ne hanno derivato il cognome.

Classifica Sanremo 1995, Canzone My Way In Italiano, Cosa Rappresenta Il Cappellaio Matto, Casa A Terrazzo, Proverbio Cinese Autunno, Alpha Test Youtube,